Le domeniche al mercatino

Prime edizioni, bizzarrie editoriali e curiosità in forma di libro

L’inserto domenicale di #Svolgimento dedicato ai libri recuperati in qualche mercatino,
negozio di antiquariato, rigattiere o fiera di Paese.
Oggetti capaci di affascinare, incuriosire, conquistarci fino alla brama del possesso,
da un euro in sù!

20151226_113444In un qualche modo ancora avvinto, o afflitto – fate voi – dallo spirito natalizio, elaboravo banali considerazioni sul tempo che passa e le mode che si susseguono, per finire al solito e trito lamento sulla diatriba tra ebook e libro in carta. Ai bambini, nati digitali, che magari non hanno mai visto un libro pop up! Uno di quei meravigliosi oggetti della mia infanzia in cui le storia letteralmente sbucavano dalle pagine e si animavano con il semplice movimento di una linguetta in carta che faceva capolino in qualche angolo. Da quel pensiero all’inserto domenicale di oggi il passo è stato breve. Ho scartato le decine di libri per l’infanzia che ancora conservo e ho optato per questo a dir poco stupendo libro edito dalla Mondadori nel 1983: “La perfida Belle Epoque“, con il suo altrettanto stupendo ed eloquente sottotilo che così recita “un libretto tira e alza per soli adulti”. Malandrine ed allusive immagini animate che raccontano un libertinaggio gioioso e giocoso in grado di scatenare ilarità e sorrisi piuttosto che prouderie eccitanti, ma che si vorrebbe non finissero mai!

A chiosa di questo inserto, aggiungo uno scritto di qualche tempo fa, attraverso il quale cercavo di restituire a parole lo stesso spirito di quest’epoca che chiamare “bella” equivale all’evocazione di nostalgica magia.

Piccoli difetti ininfluenti

Bismarck compie ottant’anni e i francesi pensano che stia esagerando in longevità. Per i libertini di tutto il mondo andare a Parigi equivale a prendere la laurea. I sarti da uomo invocano il ritorno ai calzoni corti e alle calze di seta. Re Leopoldo del Belgio, detto Poupole, cede allo Stato una sua proprietà privata chiamata Congo; in un accesso di romanticismo avrebbe anche potuto cederla alla fida amante Oleo de Merode. II duca d’Orleans, pretendente al trono di Francia, entra a Parigi in effigie, allineandosi tra le statue di cera del museo Grevin. Alla Scala di Milano ha successo la rivista “Paris-scandale”. I fratelli Rothschild lanciano un prestito russo di quattrocento milioni, con l’interesse del tre e mezzo per cento.
25 Giugno, Milleottocentonovantacinque.
La bicicletta é furiosamente di moda e le signorine eleganti non fanno più la passeggiata al Bois con altro mezzo; il Cake-Walk ottiene sempre maggior successo ed è scandaloso che la gente del bel mondo vada a impararlo presso un vinaio al Nouveau Cirque, prendendo lezione da autentici negri.
L’uomo elegante si fa lavare Ie camicie chez Charvet e le fa stirare a Londra. I cappelli femminili sono grandissimi, firmati da Alphonsine, Virot o Georgette, e incidono fortemente sui bilanci familiari. Le dame usano la “Creme Simon” contro le rughe; il capitano Dreyfuss aspetta la revisione del suo processo, il prezzo minimo per dodici colletti da uomo è di Franchi 0,75. Una donna costa tre franchi se offre tutte le garanzie; una vergine cento franchi, più una mancia alla madre. I profumi in voga si intitolano “La fleur qui meurt”, “Le bon vieux temps”, “Eau de coq”, “Eau de geranium” e li vende Guerlain in rue de la Paix. In omaggio al giovane zar e all’amicizia franco-russa e di moda la pelliccia di zibellino.· Gli inventori stanno progettando il velocipede aereo. Yvette Guilbert, in partenza per Londra, dedica l’unica ora disponibile a Toulouse-Lautrec che ha espresso il desiderio di farle un ritratto.
Il principe di Galles ha trentacinque anni e da tono alla vita notturna di Parigi. Il Petomane intenta un processo al direttore del locale dove lavorava.
Si può ricevere a casa, gratis e in busta chiusa, il catalogo illustrativo di “articles speciaux pour l’usage intime de l’homme et de la femme”. I ministri e altri rappresentanti del popolo frequentano, assiduamente, alcuni postriboli di lusso, e talvolta vi muoiono d’infarto, sul lavoro; i nomi delle ragazze che li hanno aiutati e allietati nel trapasso sono simpaticamente resi noti. I giovani aristocratici bastonano i dreyfusardi, ma poi sposano le ereditiere ebree per pagare i debiti. Il “Figaro” fa un’inchiesta sull’opportunità per le donne di portare o meno le calze nere.
Infuria la Belle époque.
Il dieci per mille dei parigini è affetto da tubercolosi, la percentuale degli alcolizzati non è nota. La conquista del Madagascar offre spunti agli chansonniers. Le signore di classe tradiscono il marito soltanto dalle cinque alle sette; i signori di classe tradiscono la moglie alla stessa ora. Prima e dopo, è opportuno farsi vedere al “Seylon Tea Pavilion”, rue Caumartin, dove c’è una galleria floreale e suona un’orchestra tzigana.
Alla “Belle Jardinere” un vestito da uomo costa 9,50 franchi, un costume da velocipedista diciotto franchi. Dalle isole Marchesi, Gauguin scrive a Daniel de Monfreid chiedendogli dieci franchi, ma non li ottiene. Max Jacob, Guillaume Apollinaire, Utrillo, Picasso e Modigliani rimettono in giro una petizione per separare Montmartre dalla Francia.
Nelle buone famiglie i padri fanno in modo che i figli ventenni scoprano nei giornali la seguente inserzione: “Prudence et sureté. Presérvatifs en cautchouch dilaté, garantis incassables”.
Le eteree celebri hanno l’automobile e depauperano pubblicamente i granduchi russi. Al Moulin Rouge, prima durante e dopo il Can-Can, le ballerine sono pronte a soddisfare ogni curiosità anatomica degli spettatori. Il 28 dicembre, al Grand Café, dicono nascerà qualcosa chiamato cinema. Sarà tenuto a battesimo dai fratelli Lumière. Prezzo del biglietto un franco, l’incasso della prima seduta sarà destinato a ripianare i debiti della famiglia.

Gianluca Meis

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...