Incipit d’Autore: Azrael di Pierluigi Porazzi. Marsilio Editore

received_10206872319074577

LA FINE

Il sangue gli scorre caldo tra le dita. La mano sinistra premuta sul fianco, come a trattenere la vita dentro di sé, Alex Nero stringe l’impugnatura della Glock 17 con la destra. Sul pavimento, sotto di lui, una pozza del suo stesso sangue continua ad allargarsi.
Solleva la pistola e la punta verso l’ingresso. Il braccio trema, deve appoggiare il gomito sul pavimento per prendere la mira. Adesso è solo questione di tempo, poi potrà raggiungere sua moglie e sua figlia, dovunque si trovino. Tra poco il Teschio tornerà per finirlo.
Soltanto una sensazione di stanchezza, come se non avesse dormito da giorni. Le palpebre pesano, chiuderle sarebbe un sollievo. Ma sa che deve aspettare. Almeno finché non lo vedrà ricomparire sulla soglia. Deve sparare all’uomo che si nasconde dietro la maschera da teschio, per porre fine alla sua follia.


Distoglie lo sguardo dall’ingresso solo per un istante, cercando il cellulare. Gli è caduto quando l’assassino lo ha ferito. Lo vede accanto alla sua gamba destra. Allunga il piede e lo avvicina finché riesce ad afferrarlo. Preme il tasto di chiamata ma lo schermo resta buio. Impreca tra i denti e lo riappoggia a terra.
Riporta gli occhi sul mirino. Fissa la soglia, la vista appannata. Inizia a sentire freddo. Il braccio gli trema sempre di più. Non sa quanto potrà resistere.

2962Pierluigi Porazzi, laureato in giurisprudenza, ha conseguito il titolo di avvocato e lavora presso la Regione Friuli-Venezia Giulia. È iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti dal 2003. Suoi racconti sono apparsi su riviste letterarie, in antologie e raccolte e in rete. Fa parte del progetto Sugarpulp. Nel 2010 e nel 2013 ha pubblicato per Marsilio i romanzi L’ombra del falco (2 edizioni) e Nemmeno il tempo di sognare, in seguito usciti anche, rispettivamente, nelle collane “Noir Italia” («Il Sole 24 Ore», 2013) e “Il Giallo Italiano” («Corriere della Sera», 2014).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...