“OCCIDENT EXPRESS” – Compagnia Kataplixi Teatro

comunicato stampa

Saranno due gli appuntamenti del mese di luglio con gli spettacoli frutto dei progetti vincitori della sezione Scene allo sBando di Generazione Creativa, il bando che la Compagnia di San Paolo ha dedicato alla creatività giovanile. 

Compagnia Kataplixi Teatro
presenta
“OCCIDENT EXPRESS”
di Matéi Visniec
2, 3 e 4 luglio 2015 ore 21
SAN PIETRO IN VINCOLI
Via San Pietro in Vincoli, 28 – Torino

 

“Occident Express”, il sogno di un futuro migliore viaggia su di un treno

La Compagnia Kataplixi Teatro mette in scena il testo di Matéi Visniec

di Franca Cassine

09_Occident Express_Kataplixi_IMG_1459Sono i personaggi e le immagini che vivono attraverso le parole di Matéi Visniec ad aver attratto e ispirato Kataplixi Teatro. Il drammaturgo, poeta e giornalista romeno ha talmente colpito la compagnia torinese che i ragazzi hanno deciso di mettere in scena uno dei suoi testi. Grazie poi al fatto che il loro progetto è stato selezionato per “Scene allo sBando”, la sezione di “Generazione Creativa” del bando della Compagnia di San Paolo, lo spettacolo “Occident Express” debutterà il 2 luglio 2015 (con repliche anche il 3 e il 4) in una cornice d’eccezione: l’ex cimitero di San Pietro in Vincoli a Torino (www.teatriindipendenti.org).

<Abbiamo – spiegano Anna Montalenti, Francesco Gargiulo e Luca Busnengo di Kataplixi (attori i primi due e regista il terzo) – incrociato Matéi Visniec qualche anno fa grazie al regista Alberto Gozzi con cui abbiamo messo in scena “Deserto”, uno dei suoi testi. Ci siamo appassionati talmente tanto che Anna ha deciso di laurearsi con una tesi proprio su di lui, così abbiamo iniziato a conoscere le sue opere e abbiamo anche avuto l’opportunità di incontrarlo di persona>.

Cosa vi ha colpito della produzione di Visniec?

<Oltre ad aver amato tutti i suoi scritti, ci è piaciuto il fatto che lui parli di cose contemporanee e dunque a noi vicine. Nonostante utilizzi un linguaggio abbastanza crudo, riesce sempre a mantenere una poeticità e un livello di immaginario che apprezziamo e che rispecchia il nostro stile artistico>.

Come mai avete scelto proprio “Occident Express”?10_Occident Express_Kataplixi_IMG_1478

<Di questo testo ci ha colpito l’aspetto storico e sociale che viene affrontato, ovvero i flussi migratori, il fuggire dalla propria terra, il non sentirsi integrati nella realtà. Ma ci è piaciuto soprattutto l’opportunità che ci offriva Visniec, lui ci avrebbe permesso di parlare di questi argomenti senza retorica, mantenendo la letterarietà e la teatralità. I suoi testi sono metaforici e c’è una poeticità che non è solo il racconto di una storia e che a noi ha fatto ritrovare l’universalità, caratteristica solitamente attribuibile ad autori più classici>.

Qual è il tema portante di “Occident Express”?

<Anzitutto ha una forma particolare: è suddiviso in quadri. Questa è una cifra stilistica che appartiene all’intera opera di Visniec, infatti quando ci si riferisce a lui si parla di teatro decomposto, frammentario. La scelta di utilizzare questo linguaggio è dovuta al fatto che secondo lui la realtà è come uno specchio rotto, quindi risulta difficile percepirla come un qualcosa di unitario ed è dunque complicato raccontarla. Questo per noi rappresenta una sfida, perché mettere in scena uno spettacolo del genere richiede anche una capacità registica particolare>.

Quali sono le storie raccontate?

<I quadri sono uniti dall’espediente letterario di essere ambientati su di un treno. Le situazioni sono tipiche, come l’attesa, il viaggio clandestino, le frontiere e il tutto viene raccontato come se lo spettatore fosse al finestrino di un vagone e ad ogni fermata potesse scorgere un pezzetto di vita. Ogni storia è diversa, però tutte hanno in comune il fatto di avere come mito l’Occidente, il sogno di un mondo diverso e di un futuro migliore>.

Come avete costruito lo spettacolo?IMG_1472

<La messa in scena affonda le radici nel testo di Visniec, ma anche nel lavoro che abbiamo svolto nei mesi precedenti. Grazie all’associazione Bucovina che si occupa di integrazione sociale e culturale, all’Istituto Romeno di cultura di Venezia e all’Università di Torino (in particolare al corso di studi di lingua e letteratura romena condotto dal professor Merlo), abbiamo fatto delle ricerche e dei laboratori. Il bacino di utenza è stato eterogeneo e, proprio per questo, sono emersi elementi particolarmente interessanti. I partecipanti sono stati di età varia, molti provenienti dalla Romania e dai paesi dell’Est. Ci siamo fatti raccontare le loro storie, le loro aspettative, i loro sogni>.

A cosa è servito questo materiale?

<E’ stato fondamentale. Il lavoro di messa in scena si è nutrito proprio di questo confronto e delle numerose testimonianze raccolte. Grazie agli incontri abbiamo trovato una chiave di lettura diversa alle parole di Visniec, frasi che a noi sembravano lontane, attraverso queste esperienze hanno trovato una giusta collocazione. Tutto ci è parso avere un senso e abbiamo compreso il significato profondo di ciò che l’autore ha voluto trasmettere>.

LogoKPX

comunicato stampa

Franca2cassine (1)

Franca Cassine

 Franca Cassine 

Giornalista professionista e critico teatrale vive e lavora a Torino. La sua vera passione è lo spettacolo dal vivo e, particolarmente attenta alla scena internazionale contemporanea, si interessa di arti visive a 360 gradi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...