Grafite

4b7d5642f9da8d358fbc6fc59563925cApro la porta con discrezione, la stanza vuota ha l’odore del buio. Sulla soglia con la mano cerco l’interruttore sulla parete a destra, premo i pulsanti a caso. I faretti incastrati in un controsoffitto anni 70 la illuminano puntiforme.

Il pavimento a quadrotte in linoleum giallo in alcuni punti è consumato dal passaggio, in altri è molto chiaro, quasi nuovo. Forse in quella posizione c’era il tavolo sul quale visionava i progetti, oppure le vetrinette con i modellini in scala delle sue auto, o semplicemente la poltrona dove riposava.
Le ampie vetrate che incorniciavano le Alpi e il Monviso, sono ora coperte da teli di spessa carta blu, fissati al telaio delle finestre con uno scotch da pacchi marrone.

Sulle pareti i ganci vuoti e le cornici nere lasciata dai quadri appesi fanno disordine.
Respiro l’odore di quello che quel luogo fu: Il fulcro del Design Automobilistico Torinese. Il rumore delle idee e le accalorate discussioni volteggiano ancora impolverate nella stanza.
Immagino i personaggi illustri che varcarono la soglia di quello studio, cosi’ sabaudo ed austero . Il lusso era prerogativa della carrozzeria che avrebbe indossato il telaio dell’ auto, lo stesso lusso, attenzione e cura, messa da una Coco Chanel nel realizzare un Tailleur. La discrezione e il basso profilo era la parola d’ordine per tutto il resto come imponeva ed impone ancora ora lo stile Piemontese.
In quella stanza, su quel tavolo a Torino, erano sfilati i progetti delle piu’ prestigiose carrozzerie di auto, cosi’ come in un Atelier di moda a Parigi sfilavano i pezzi unici dei grandi sarti.
Auto che segnarono un’epoca .
Forme dal tratto umano nate dalla punta di una grafite collegata al cervello , non dal click di un mouse senza fili collegato in wi -fi al pc.
Sapevano disegnare e immaginare i suoi “Car Designer”, ragazzi che un giorno sarebbero diventati famosi come Marcello Gandini e Giorgetto Giugiaro, idee trasformate in sinuose forme di carrozzeria che segnarono stilisticamente le diverse epoche in cui vennero prodotte, piu’ di quanto non fece l’Architettura nello stesso periodo .
La Mustang, la Countach, la Miura erano un sogno per pochi,  i molti,  si potevano far sognare quotidianamente con  la Fiat 500 Topolino,  la 850 Spider,la Ritmo Cabriolet. e una sportiva come  la X1-9,

anna wood

Annunci

Un pensiero su “Grafite

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...