Giochiamo

936256_326626484132176_912865192_n«Anais… Anais…». Sentivo che mi cercava. Percepivo nella sua voce una lieve incrinatura. Era arrabbiato. Sì, era arrabbiato perché non mi trovava. Mi aveva cercato in camera. In bagno. Aveva scostato persino le tende nel corridoio. Chissà, forse sperando di trovarmi dietro, nuda. Gli uomini hanno fantasie scontate. Iniziava a spazientirsi, a sentir stringere i polsini della camicia. Il colletto allentato tra un giro in bagno e una pausa accanto al letto. Così come mi era stato facile immaginarlo carico di voglia, ben visibile dai suoi pantaloni elegantemente stirati, così ora lo vedevo rosso in volto, cambiare la piega del labbro inferiore come in cerca di un nuovo angolo da mordere.
«Anais… Anais…». Aveva interrogato la cuoca in cucina, il giardiniere nel cortile, quello calvo e facile alla bestemmia che veniva tutti i fine settimana per le siepi di forsizia. Era passato sotto il grande ritratto in salotto, dove una cornice di noce sorreggeva una riproduzione della mia carta preferita dal mazzo Visconti: la papessa. Inganno, paura, volubilità, ambizione. Naturalmente per un uomo. Io ci vedevo solo una sintesi inconciliabile.


Sgranando le perle della collana presi l’ultima decisione: quella mattina non mi avrebbe trovata. L’avrei lasciato alle sue ingombranti voglie. Gli avrei preferito, nuovamente, i miei diari. Carezzai le serpi in marmo sul busto della Medusa che delimitava la mia scrivania e mi sedetti. Lacrime salate di sconfitta si cristallizzarono agli angoli dei miei occhi inquieti, impastandosi nel nero, steso con cura poco prima. Quella mattina avrei scritto il mio commiato ad un amante ormai inutile.
Desideravo essere trovata. Lui non ha capito nulla e ha continuato a chiamare imperterrito per altri minuti, liberandosi solo dai bottoni della propria camicia. Fino ad arrendersi alla sua età. Eppure più di una volta gli dissi che, se mi voleva, avrebbe dovuto tornare bambino, prima di starsene sudato col sesso in mano, ad evitare di sporcare le mie lenzuola fresche di bucato.

Sollevai uno specchio a manico e mi rifeci il trucco.

Gianluca Meis

Annunci

Un pensiero su “Giochiamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...